- PARCHIONLINE.IT - IL PORTALE CON MOLTE INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER VISITARE I PARCHI NAZIONALI -

LA LINCE (Lynx linx)

Caratteristiche, habitat, riproduzione, alimentazione...



La Lince in Italia La lince (Lynx lynx), detta anche cerviere o lupo cerviere, è un animale appartenente alla famiglia dei felini. Le linci hanno una coda corta, e generalmente dei ciuffi di peli sulle punte delle orecchie. Pesano da 5 a circa 30 kg e hanno un'altezza alla spalla di 55 cm. Frequentano soprattutto gli ambienti forestali variegati (con radure, canaloni di valanga, ecc.) e non troppo fitti, dove si trovano le prede di cui si nutrono (prevalentemente ungulati, come il capriolo, e lagomorfi). Occasionalmente la lince può attaccare animali domestici. Sono tolleranti nei confronti della presenza umana, purché siano disponibili le sue prede. Sulle Alpi, un tempo, era presente la sottospecie Lynx lynx alpina, oggi estinta. In Sardegna, invece, viveva la Lynx lynx sardiniae anche questa ormai scomparsa. In Italia, dopo un tentativo di ripopolamento che ha avuto scarso successo, la lince europea nella sottospecie Lynx lynx carpathicus è ancora presente in modo estremamente sporadico nel Parco Nazionale del Gran Paradiso e nel Parco Nazionale dello Stelvio. Altri esemplari della stessa specie stanno colonizzando le Alpi Orientali a partire dai paesi dell'Europa orientale, sembra che alcuni esemplari di lince siano arrivati in questo modo fino agli Appennini. La popolazione sulle Alpi è stimata in oltre 150 esemplari.


Caratteristiche fisiche della lince

La lince è un mammifero felino e carnivoro, appartenente alla famiglia dei felidi. È più grande di un gatto selvatico e ha le zampe molto più lunghe. Il pelo è lungo e morbido, le orecchie sono dritte con dei ciuffi di peli sulla sommità. Il peso di una lince adulta adulto va da 20 a 30 chili ed è lunga circa 100/130 cm.; è alta circa mezzo metro all'altezza delle spalle. È un animale solitario e silenzioso. Ha vista e udito eccezionali, percepisce anche il minimo fremito; riesce a saltare sui rami anche a 2,50 metri d'altezza, e piomba sulla preda con una velocità impressionante. Il territorio della lince in genere è molto esteso, spesso può superare i 400 chilometri quadrati. La sua alimentazione è varia: cerbiatti, lepri, volpi, daini, caprioli, topi, uccelli invertebrati, ecc. La vita media va dai 10 ai 15 anni.


Riproduzione della lince

La stagione degli amori della lince va da dicembre a marzo; in questo periodo, durante gli spostamenti, gli esemplari maschi emettono una specie di lamento di richiamo per attirare le femmine. Intorno ad aprile-maggio (dopo due mesi e mezzo dall'accoppiamento) nascono da 1 a 4 cuccioli, già dotati di pelliccia ma totalmente ciechi. I piccoli vengono lasciati soli nella tana ogni volta che la madre si allontana per procurare loro del cibo.


IL RITORNO DELLA LINCE IN ITALIA

Il 1989 rappresenta una data storica per il ritorno della lince sulle Alpi italiane: in quell'anno, nelle foreste della Carnia, il guardiacaccia Carlo Vuerich di Pontebba riuscì a fotografare il felino mentre predava una marmotta. Nel suo cammino verso ovest, la lince si è spinta fin sulle montagne del Piemonte: tracce della sua presenza sono state rilevate sui monti dell' Ossola e della Val Sesia , e negli ultimi anni si sono moltiplicati gli avvistamenti in Val Pellice, Val Chisone e Valle di Susa, Cuccioli di lince europea attorno al valico del Moncenisio. La lince era scomparsa definitivamente tra la fine dell'800 e l'inizio del '900 dal territorio alpino. In Italia la storia dell'estinzione della lince si conclude in Val Roja, al di là del Col di Tenda (Cuneo) tra il 1918 e il 1920, su territori oggi francesi. Tra la fine del '700 e l'inizio del '900 è documentato l'abbattimento di almeno 140 esemplari in Val di Susa e in Val Pellice, nelle valli Varaita e Stura, e soprattutto in Valle d'Aosta: al Gran Paradiso, nella sola Valsavarenche, furono quaranta le linci catturate negli ultimi vent'anni dell'800. Nonostante fosse ormai estinta, meritano attenzione le segnalazioni della lince in Valle Anzasca nel 1937, in Valle d'Aosta dieci anni dopo, in Val Varaita nel 1969 e due anni dopo nell'Ossola e nel Cuneese. Sono indizi che fanno supporre come pochissimi esemplari isolati fossero riusciti a sfuggire al massacro e a riprodursi, molto prima delle reintroduzioni programmate dall'uomo. A partire dal 1971 furono rilasciate le prime 24 linci in Svizzera, nelle Alpi e nel massiccio del Giura; per il ritorno della lince in Valle d'Aosta, in Val Sesia e nell'Ossola, si è rivelato strategico proprio il programma di reintroduzione in Svizzera. Tornata negli anni '80 nelle foreste delle Alpi Giulie e in Carnia, la lince si è poi affacciata nella parte più settentrionale del Piemonte: negli ultimi cinque anni è aumentato il numero delle segnalazioni nella Provincia di Verbania, dalla Val Divedro alle valli Antigorio e Formazza, in Val Vigezzo, Valle Antrona e nella Valle di Bognanco. In collaborazione con il parco Veglia-Devero, la Provincia del Verbano-Cusio-Ossola ha promosso un piano speciale di monitoraggio. In Valle d'Aosta, le segnalazioni si concentrano nell'area del Gran San Bernardo, dove la lince segue gli spostamenti di cervi, caprioli e camosci. Le predazioni documentate nel parco nazionale francese della Vanoise, vicino al Gran Paradiso, suggeriscono la diffusione del felino nel settore alpino sud-occidentale: il fenomeno sarebbe confermato dai ripetuti avvistamenti nella zona del valico del Moncenisio, in Alta Valle di Susa, in Val Chisone e in Val Pellice. In quest'area, tuttavia, manca un piano sistematico per il monitoraggio del ritorno della lince, a cui sta invece lavorando nel nord-est il pool del Progetto Lince Italia. Studiare la lince, farla conoscere e agevolarne il ritorno. È l'obiettivo del Progetto Lince Italia, associazione culturale con sede all' Università di Padova patrocinata da due organismi internazionali, la Scalp (Status and Conservation on Alpine Lynx population) e il "Cat Specialist Group" dell'Iucn (The World Conservation Union). Del Progetto Lince italiano fanno parte guardiaparchi, cacciatori, veterinari e cinque super-consulenti stranieri, tra cui Peter Jackson dell'Uicn e lo svizzero Urs Breitenmoser dell'Università di Berna, massimo esperto mondiale in materia di linci. Al progetto collaborano più soggetti: l'Istituto nazionale fauna selvatica (Infs), la Società italiana di ecopatologia della fauna (Sief), il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), istituti universitari italiani e esteri tra cui il Kora svizzero, l'Onc francese e il Nina norvegese. Tre gli scopi del Progetto Italia: divulgare informazioni corrette sulla specie, formare operatori in grado di collaborare con gli agricoltori per gli allevamenti colpiti dalla lince e raccogliere dati sulla diffusione del felino. Un primo centro operativo è stato aperto a Tarvisio (Udine), dove è aumentata la presenza di linci provenienti dalle foreste slovene.

Il WWF Italia sta intraprendendo una battaglia per la salvezza della lince sul nostro territorio, dove è in pericolo a causa dei bracconieri, delle autostrade e ferrovie e per la mancanza di zone protette. Il Gruppo Lince Italia è un comitato di studio, azione e divulgazione sorto allo scopo di contribuire alla conoscenza, conservazione e diffusione della lince nel nostro paese, con il patrocinio dell'Ente Autonomo Parco Nazionale d'Abruzzo.


"Tratto dal Sito Ufficiale del Parco Nazionale d'Abruzzo"

la lince in Italia La presenza della lince in Italia, non solo nelle Alpi occidentali ed orientali, ma anche nell'Appennino (soprattutto centrale) è ormai ampiamente comprovata e non può essere posta seriamente in discussione. Mentre però alcuni studiosi tendono a considerarla frutto delle reintroduzioni operate con successo al di la delle Alpi (Francia, Svizzera, ex Jugoslavia) - ciò che non spiegherebbe comunque le presenze appenniniche - è assai probabile che in realtà nuclei relitti assai ridotti di tale felino, a comportamento spiccatamente criptico, abbiano potuto conservarsi in alcune zone montane particolarmente remote e segregate, tanto delle Alpi occidentali ed orientali, che dell'Appennino. Una importante monografia del Consiglio Nazionale delle Ricerche pubblicata nel 1981 ha ignorato completamente questa specie, escludendola dalla fauna italiana: è assai verosimile invece che, all'epoca, la lince fosse presente, sia pure in numero piuttosto ridotto, nel nostro Paese. Attualmente esistono prove molteplici, sicure e concordanti dell'esistenza della lince nel parco, dove la sua consistenza viene stimata a 2-3 coppie, mentre indizi significativi emergono da altre zone dell'Appennino centrale, e in parte meridionale. Benché ovviamente non possano escludersi ipotesi di immissioni o liberazioni clandestine ad opera di ignoti, la situazione obiettiva - esemplari perfettamente selvatici, elusivi, abituati al territorio e legati a zone particolari, in molti casi le stesse dove la loro presenza e stata storicamente riferita per decenni - fa propendere nettamente per la spiegazione più ragionevole e suggestiva: vale a dire l'effettiva sopravvivenza di piccoli nuclei relitti originari, oggi ampiamente favoriti dalla accresciuta salvaguardia ambientale e dalla aumentata disponibilità di prede. Anche la creazione di aree faunistiche della lince nel parco (una al momento attuale) ha svolto certamente un ruolo di potente catalizzatore, mentre la ripresa e l'intensificazione delle osservazioni e ricerche, attraverso il Gruppo Lince Italia, da ragione della dovizia di dati ormai acquisiti in merito. Gli obiettivi futuri di tutela mirano a consolidare la strategia finora seguita dal Parco, escludendo ovviamente ogni ipotesi di reintroduzione dall'esterno data l'estrema importanza di questa popolazione, presumibilmente autoctona, le cui caratteristiche morfologiche, genetiche, etologiche ed ecologiche meriteranno serio approfondimento.